Home Slow Tuscany

 
... La Toscana raccontata (senza fretta) da Damiano Andreini
In Viaggio verso..
Pisa Firenze Lucca Siena Grosseto Arezzo Massa-Carrara ToscanoToscano Dormire in Toscana?



In Viaggio verso..


Pisa

Firenze

Livorno

Lucca

Siena

Grosseto

Arezzo

Pistoia & Prato

Massa-Carrara

Toscano toscano

A tutela del Turista

Agri-turismo






AMBROGIO LORENZETTI E IL “BUON GOVERNO” SENESE
Effetti del Buon Governo in città

Qualcuno ha detto che sulla Piazza del Campo è stato scritto tutto quanto sia umano scrivere: in effetti, la si è vista in tutti i tipi di cartoline, nei libri e nei portacenere di tutto il mondo. Eppure, appena ci si affaccia sulla piazza, provenendo da uno qualunque dei vicoli scuri che vi si immettono, la prima sensazione che se ne coglie è sempre quella di una suprema bellezza scenografica.

Mi siedo in qualche punto del suo antico pavimento di mattoni che lentamente digrada verso Palazzo Pubblico, fulcro di quella specie di ventaglio che la piazza forma. Vicino a me c'è una coppia di giapponesi che ha scelto Siena per sposarsi e questa piazza per le foto di rito: mentre provano a mettersi in posa lei si muove disinvolta in un abito bianco di seta dallo strascico corto, mentre lui, in doppiopetto blu, è un pò rigido e impacciato di fronte al fotografo. Qualche manciata di riso gettata in aria per il romantico e irrinunciabile volo dei piccioni, lo sfondo ocra dei palazzi gotici che circondano la piazza, la volta azzurra di un cielo immobile e sereno, tutto è pronto: «sorridete...»: clik!

Accenno ad un sorriso per salutarli e mi dirigo verso Palazzo Pubblico, dove vorrei mostrarvi qualcosa di eccezionale. Per l'esattezza, tutto il palazzo è eccezionale: la sua architettura, che risale al Trecento, i suoi arredi e le opere d'arte che raccoglie, tra cui una quantità smisurata di affreschi del Tre- e Quattrocento. E' un ambiente da favola, composto di grandi sale e di solito non affollato di turisti: andateci e lasciatevi sedurre dalla foresta di stemmi nobiliari, personaggi leggendari, cavalieri e santi che appaiono dipinti su tutte le pareti.

Nella sala della Pace però, prima di entrarci attendete che non ci sia più nessuno; varcandone la porta vi troverete immersi nella Siena di settecento anni fa, fra cavalieri al piccolo trotto, damigelle che danzano in cerchio, mercanti e artigiani al lavoro, contadini nei campi; sullo sfondo la città, con le sue torri nobiliari, le sue chiese, le sue vie.

effetti del Buon Governo in città <>Effetti del Buon Governo in campagna
Ecco come Ambrogio Lorenzetti, nel 1337, ha immaginato e dipinto gli effetti positivi che ricadono sulla città e sulla campagna quando queste siano guidate da un "buon Governo": pace, armonia, prosperità. Ma attenzione, perché l'altra parete mostra gli effetti negativi di un "cattivo Governo": la città è devastata da carestie, distruzioni, odio; la campagna è ora incolta e arida, e una moltitudine di terribili mostri - tra i quali l' Odio, l' Invidia, la Corruzione - incombono dal cielo sugli uomini e sulle cose.

effetti del cattivo governo in città<>effetti del Cattivo Governo in campagna
Come un grande regista, Ambrogio Lorenzetti ha dimostrato una sensibilità eccezionale per il dettaglio di natura, per il dato di cronaca, per la rappresentazione realistica di persone e animali. Una volta a Siena, se avrete voglia di vedere un bel film, non avrete bisogno di andare al cinema.


Damiano Andreini

Chi sono Itinerari Site Map Agri-tour Sapori Links Home page
Questa opera protetta da Copyzero Copyzero Copyright Damiano Andreini. Vietata ogni riproduzione anche parziale.